Che cosa è lo stato di coscienza

La coscienza può essere definita come la consapevolezza che ciascun individuo ha della propria esistenza e delle cose che lo circondano. Lo stato di coscienza è valutato in base alla risposta che un soggetto fornisce agli stimoli verbali, tattili, dolorosi. Un individuo sarà giudicato in stato di incoscienza ogni volta che perde la capacità di rispondere a tali stimoli. 

Riconoscere la situazione di alterazione dello stato di coscienza è abbastanza semplice:

  • il soggetto è evidentemente privo di energia, accasciato sulla sedia o disteso a terra, spesso è pallido e sudato, con gli occhi chiusi;
  • non presenta alcuna reazione ai richiami che gli vengono istintivamente rivolti dalle persone che gli stanno intorno (come ad esempio chiamarlo e scuoterlo).

La perdita di coscienza può manifestarsi per diverse ragioni: può essere transitoria (lo svenimento è abbastanza comune in età pediatrica), legata a malattie, conseguente a traumi, avvelenamenti o ad ingestione di corpi estranei.

È una situazione che allarma molto le persone chiamate a prestare i primi interventi e che deve essere valutata rapidamente per capire come agire e come attivare i soccorsi per prevenire possibili danni, anche gravi.

Incoscienza

Cosa Osservare

Se lo stato di coscienza è normale, il bambino ha una buona interazione con l’ambiente, una pronta e chiara risposta agli stimoli verbali e dolorosi.

Se lo stato di coscienza è alterato il bambino può non essere ben orientato nel tempo e nello spazio (non sa dire dove si trova e che giorno è), presentarsi sonnolento, poco reattivo agli stimoli o stranamente agitato.

Può talvolta piangere in modo flebile e/o lamentoso, con difficoltà ad esprimersi verbalmente. La perdita di coscienza si presenta con insensibilità agli stimoli verbali, tattili e dolorosi (il bambino non risponde al richiamo verbale nemmeno se è scosso o pizzicato).

Cosa Fare

In caso di alterazione dello stato di coscienza consultare subito il Pediatra, il Pronto Soccorso o l’Operatore del 112.

In attesa dei soccorsi, è importante valutare le funzioni vitali e seguire le indicazioni ricevute. È possibile inoltre, in funzione della specifica situazione, intervenire con manovre quali la posizione di sicurezza, la disostruzione delle vie respiratorie, la rianimazione cardio respiratoria (solo se sono compromesse le funzioni vitali).

Cosa Non Fare

  • Non si devono MAI somministrare alla persona priva di coscienza bevande di qualsiasi genere e, in particolare, alcolici.
  • Non si deve per nessun motivo tentare di sollevare o mettere in posizione seduta l’infortunato.
  • In nessun caso si deve abbandonare una persona in stato di incoscienza.

Bibliografia/Sitografia

  • Bimbi sicuri – Campagna sulla sicurezza sviluppata da SIP – SIMEUP – SIN – SIPPS – FIMP – FNCollegi Ostetriche
To Top