Che cosa è

Il colpo di calore è problema causato da un significativo aumento della temperatura corporea a causa del clima caldo e umido. L’organismo accusa il malore perché assorbe più calore di quanto riesce a cederne all’esterno con la sudorazione.

È diverso dalla febbre che normalmente è una risposta dell’organismo a uno stato di infezione e insorge a prescindere dalla temperatura esterna.

Come si presenta

I sintomi più frequenti sono: sete intensa, crampi muscolari, vertigini, disorientamento e confusione mentale, in alcuni casi con perdita di coscienza.

La pelle del bambino è calda e secca, il viso è arrossato e la temperatura corporea è elevatissima (sopra i 40°C).

Cosa Fare

Spostare il bambino in un ambiente fresco.

  • CaldoSpogliarlo.
  • Se possibile, immergerlo in una vasca di acqua fresca.
  • In alternativa, avvolgerlo in un lenzuolo (o coperta) freddo e umido o applicare impacchi freddi alla nuca e all’inguine.
  • Mantenere la testa e le spalle del bambino leggermente sollevate.
  • Se insorgono convulsioni, mettere in atto le procedure di sicurezza indicate.
  • Se è cosciente somministrare bevande NON fredde.

Cosa Non Fare

  • Non posizionare il bambino seduto.
  • Non somministrare bevande se il bambino è incosciente.

Quando Chiamare i Soccorsi

Chiamare subito il 112/118. Il colpo di calore è una emergenza!

Note

Il colpo di calore si può evitare seguendo alcune precauzioni dettate per evitare il surriscaldamento e la disidratazione: in estate far indossare vestiti leggeri, in fibre naturali e ampi per facilitare la traspirazione, mettere cappelli di colori chiari e a tesa larga per tenere fresca la testa, evitare di fare praticare sport e attività di movimento durante le ore più calde, evitare gli interni delle automobili e gli spazi ristretti.

Altrettanto importante è tenere l’organismo bene idratato, bevendo molto per reintegrare i liquidi persi con la traspirazione.

Bibliografia/Sitografia

To Top