La copertina del manuale

La copertina del manuale

Quando un bambino si fa male o si sente male, gli adulti presenti spesso entrano in apprensione e non sanno come intervenire.
E’ una situazione che genera ansia, paura di sbagliare e senso di impotenza perché il desiderio di essere utili e di alleviare la sofferenza spesso non è sostenuto da una preparazione e da conoscenze adeguate.

Questo manuale è stato pensato per aiutare i genitori, gli insegnanti, gli educatori ad affrontare i problemi di salute più frequenti e le conseguenze dei principali infortuni che possono coinvolgere i bambini nei vari contesti di vita: a casa, a scuola, al parco, in palestra, in cortile, in piscina, ecc.

Siamo consapevoli che per “i non addetti ai lavori” è difficile ricordare tutte le indicazioni riportate in un manuale. Per questo motivo il linguaggio semplice, l’impostazione grafica e i simboli utilizzati dovrebbero facilitare questa “impresa”. Anche i brevi video che sono stati realizzati a corredo del manuale  e consultabili sul questo sito, possono aiutare a visualizzare come compiere le azioni indicate, in modo più immediato rispetto a quanto descritto dal testo.

Accanto alle situazioni legate ad eventi traumatici, ci è sembrato importante trattare anche i problemi di salute che più frequentemente si manifestano in età pediatrica. L’obiettivo è fornire alcune informazioni che possano consentire ai destinatari del presente manuale, di valutare la situazione, di prestare le cure di base al bambino e di orientare verso il corretto utilizzo dei servizi disponibili qualora sia necessaria la consulenza di un esperto: pediatra di famiglia, medico di continuità assistenziale (guardia medica), pronto soccorso ospedaliero, richiesta di intervento di un mezzo di soccorso attraverso il numero 112/118.

Le singole situazioni sono poi affrontate nel dettaglio all’interno delle schede che, se tenute disponibili, possono essere facilmente consultate al momento del bisogno.

Per chi desiderasse approfondire ulteriormente le conoscenze in tema di pronto soccorso, il consiglio è quello di frequentare un corso specifico: i gruppi ambulanza presenti sul territorio annualmente li propongono e la frequenza non vincola, nella maggior parte dei casi, ad impegnarsi in qualità di soccorritori.

L’obiettivo infatti è quello di divulgare il più possibile nella popolazione le informazioni di base del primo soccorso: si tratta di conoscenze che, in alcune situazioni, potrebbero contribuire a salvare una vita.

Per i principali interventi di prevenzione in ambito domestico, consigliamo di consultare anche le due pubblicazioni già realizzate:

To Top