Di cosa si tratta

Nell’orecchio possono entrare insetti, oppure possono essere introdotti piccoli oggetti (pezzi di giochi, perline, sassolini, semi, residui di bastoncini tipo “cotton fioc”). I semi possono andare incontro a rigonfiamento per la presenza di umidità del condotto uditivo e, in tal caso, la rimozione diventa più difficoltosa.

Cosa Osservare

Il corpo estraneo può provocare dolore, prurito, ronzii, difficoltà a percepire i suoni, rimbombo.

Cosa Fare

  • Mal d'orecchioMantenere il bambino calmo e a riposo.
  • Cercare di capire quale corpo estraneo è presente nell’orecchio.
  • Se il corpo estraneo è un insetto, portare il bambino in una stanza buia e porre davanti all’orecchio interessato una fonte di luce che potrebbe attrarre l’insetto verso l’esterno.
  • Se si tratta invece di oggetti, cercare di sfruttare la forza di gravità girando la testa del bambino con l’orecchio interessato rivolto verso il basso e scuotere delicatamente la testa e l’orecchio.

Cosa Non Fare

  • Non rivolgersi al bambino in modo brusco chiedendo spiegazioni per non spaventarlo e ritardare così la rimozione.
  • Non utilizzare cotton fioc né cercare di rimuovere il corpo estraneo con pinzette perché c’è il rischio di spingerlo in profondità verso il timpano provocando una lesione maggiore.

Quando Recarsi al Pronto Soccorso

Recarsi in pronto soccorso se non si è riusciti a rimuovere il corpo estraneo. Se si tratta di una batteria a bottone l’intervento dovrà essere celere per evitare il rilascio di sostanze chimiche che potrebbero causare ustioni.

Portare rapidamente il bimbo in pronto soccorso se presenta dolore intenso o forte disagio, oppure in presenza di materiale alimentare (legumi, semi…) che nell’ambiente umido del condotto uditivo potrebbe gonfiarsi.

Quando Rivolgersi al Pediatra di Famiglia o alla Guardia Medica

In tutti gli altri casi.

Bibliografia/Sitografia

To Top