Che cosa è

Il pronto soccorso è un servizio dell’ospedale riservato ai casi di emergenza, che ha spazi dedicati alla breve osservazione. Qui vengono prestate le prime cure in tutti i casi di urgenza ed emergenza.

FasciaturaL’accoglienza viene fatta da personale infermieristico secondo un sistema di valutazione chiamato triage. Tale valutazione aiuta ad individuare, sulla base della gravità del caso (e non sull’ordine di arrivo in pronto soccorso), a chi prioritariamente prestare le prime cure.

L’infermiere presente in sala di attesa, raccoglie i dati sull’accaduto ed esegue i primi interventi di soccorso; ad ogni caso viene assegnato un codice/colore:

  • codice rosso che corrisponde a emergenza assoluta con necessità immediata di cure
  • codice giallo (o “urgenza”), con possibile attesa di 10-15 minuti prima dell’accesso alle cure
  • codice verde (o “urgenza differibile”) cioè senza segni di imminente pericolo di vita
  • codice bianco (o “nessuna urgenza”) che in alcuni casi viene fatto coincidere con accesso improprio e quindi sottoposto al pagamento del ticket.

Gestione dell’attesa:

le condizioni delle persone in attesa della visita medica possono variare (migliorare o peggiorare); è quindi parte integrante dell’intero processo di triage la rivalutazione periodica, da parte dell’infermiere, dei codici colore assegnati.

È bene utilizzare i servizi del Pronto Soccorso per problemi urgenti e non risolvibili dal medico di famiglia, dal pediatra di famiglia o dai medici della continuità assistenziale (guardia medica): un corretto utilizzo delle strutture sanitarie evita disservizi per le strutture stesse e per gli altri utenti. 

Il pronto soccorso è gratuito. Per i casi non urgenti (codici bianchi) è previsto il pagamento del ticket.

IL RICOVERO IN REPARTO

Suggerimenti pratici per chi assiste il bambino

  • Indossare abiti leggeri e comodi.
  • Portare con sé qualcosa da fare (giornali, libri, lavori di cucito etc.).
  • Non portare con sé oggetti di valore.
  • Annotare le domande che si vogliono rivolgere al personale sanitario.
  • Chiedere altre spiegazioni, se quelle ricevute non sono chiare od esaurienti.
  • Fare una pausa ogni tanto (in ospedale esistono dei volontari che possono dare il cambio al genitore che si assenta per qualche ora).
  • Dire sempre al bambino quando e per quanto ci si deve assentare.
  • Avvisare il personale sanitario in caso di necessità di assentarsi.
  • Tenere sempre informato il bambino di cosa sta succedendo.

Ricordiamoci di portare in ospedale:

  • il libretto sanitario del bambino
  • la tessera sanitaria
  • l’eventuale documentazione medica precedente
  • l’elenco delle medicine che ha preso
  • NON dimentichiamo i suoi giochi e libri preferiti.

In camera

  • Mantenere un comportamento rispettoso per l’ambiente (pulizia degli effetti personali)
  • Non alzare la voce e non tenere alto il volume della T.V.
  • Chiedere se è possibile consumare il pasto all’interno della struttura
  • Non somministrare al bambino bevande, cibo, medicinali di alcun tipo senza il permesso del personale del reparto. 
To Top